Viene detto Giglio il fiore del Lilium, bulbosa di dimensioni medie o grandi, diffusa con le sue numerose specie un po' in tutto l'emisfero settentrionale; ogni bulbo, ricoperto da numerose scaglie, produce un fusto vigoroso, eretto, spesso di colore bruno o scuro, ricoperto da numerose grandi foglie nastriformi, di colore verde brillante; il fusto viene prodotto in primavera, e in estate porta uno o più grandi fiori a trombone, di colore vistoso, con stami e pistilli di grandi dimensioni, molto evidenti, e striature e maculature in colore contrastante. Esistono decine di specie di gigli, e ulteriori centinaia di ibridi; alcuni raggiungo i 40-50 cm di altezza, altri arrivano fino al metro; alcuni producono stoloni o rizomi accanto al grosso bulbo, altri no. Alcuni fiori possono essere anche profumati, e poche specie sono sempreverdi, anche se particolarmente delicate.

Come detto prima esistono decine di specie di giglio, tanto differenti tra loro che è stato necessario dividere il genere in gruppi, per meglio definire le caratteristiche colturali e le diverse forme dei fiori. I bulbi di giglio più facilmente reperibili in vivaio sono spesso ibridi, ed hanno tutti più o meno le stesse esigenze colturali: poniamoli a dimora in un luogo luminoso del giardino, anche soleggiato, ma fresco e ben ventilato. Generalmente tendono ad adattarsi abbastanza bene, quindi possiamo porre a dimora gigli della stessa specie in un angolo ombreggiato, ed altri al sole, ottenendo comunque un'ottima fioritura. Molte specie temono i terreni argillosi o molto calcarei, quindi prima di porli a dimora arricchiamo il terreno con del terriccio universale e lavoriamo a fondo, in modo da rendere il substrato soffice.

Durante i mesi freddi la pianta dissecca completamente, quindi possiamo anche dimenticarcene; quando in primavera vediamo germogliare le prime sottili foglie, a cui seguirà il fusto rigido, cominciamo ad annaffiare i bulbi, evitando di annaffiare quando il terreno è ancora umido, e attendendo sempre che asciughi perfettamente; continuiamo ad annaffiare periodicamente, evitando di lasciare la pianta completamente all'asciutto per periodi di tempo eccessivamente prolungati. Ogni 10-12 giorni aggiungiamo all'acqua delle annaffiature del concime per piante da fiore. Dopo la fioritura dimezziamo la lunghezza dei fusti, e continuiamo a coltivare il fogliame fino all'arrivo dell'autunno. Le piante di giglio possono essere molto decorative se piantate in gruppo, anche quando non sono in fiore.


I lilium sono delle perenni bulbose che sviluppano uno o più steli con foglie differenti a seconda delle varietà. I fiori sono portati in cima e sono a mazzi. Hanno di solito forma di tromba più o meno allungata. I colori sono molteplici: bianco, rosso, rosa, giallo, arancione. Alcuni specie sono molto profumate.Il fiore è a forma di ombrello ed è di colore bianco. E' delicatamente profumato. Il periodo della fioritura è l'estate, tuttavia, se il bulbo è stato trattato, fiorisce tutto l'anno.

Varietà

  • Lilium orientali
    Hanno fiori decorativi e molto eleganti, in svariati colori. Sono inoltre dotati di un dolcissimo profumo. Fioriscono nella seconda metà dell’estate. Preferiscono un’esposizione ben soleggiata e sono forse tra i meno rustici. È quindi consigliabile estrarli dal terreno alla fine della stagione e conservarli in un posto fresco e asciutto.
  • Lilium Tigrinum
    Hanno fiori a forma di tromba schiacciata, con i tepali rivolti verso la parte posteriore. Sono caratterizzati da foglie lunghe e da numerosi puntini sui tepali. Un’altra caratteristica importante è che i fiori sono penduli e ciò li rende particolarmente aggraziati. Sono poco profumati, ma hanno colori e portamento molto eleganti. In genere lo stelo è molto alto (anche più di 1 metro) e sono molto rustici, quindi non necessitano di essere ritirati in inverno.
  • Lilium a tromba
    Hanno fiori a forma di tromba molto allungata e dai colori molto vari: bianco, rosa, giallo, rosso. Il loro profumo è inebriante e sono ulteriormente resi decorativi dagli stami molto lunghi e vistosi. Sono spesso alti più di un metro e quindi è meglio predisporre per tempo dei tutori. Necessitano di buone concimazioni per stimolarne la fioritura.

Sono mediamente rustici e nel nostro paese, specie se piantati in profondità (come bisognerebbe fare), non necessitano di essere ritirati durante la stagione fredda. Vi sono però anche numerosi ibridi tra le varie specie e spesso risulta difficile farne una buona classificazione.

Ibridi interessanti

  • Allegra: ibrido orientale, con tepali ricurvi, verde mela.
  • Black dragon: a tromba, bianco e rosso porpora.
  • Corsage: tepali all’indietro, avorio e rosa.
  • Perfect Pink: a tromba, rosa, molto elegante e profumato.
  • Regale: a tromba, bianco con centro giallo. Molto profumato
  • Speciosum Rubrum: petali rivolti all’indietro, rosso cremisi puntinato più scuro. Premiato con L'Award dell'RHS.
  • Lilium Yellow Tiger: tepali rivolti all’indietro, giallo acceso e puntinati di rosso. Molto resistente al gelo
  • Honeydew: fiori a tromba, giallo-verdi, 15 fiori per stelo.
  • Sonata: fiori penduli con sepali curvi, arancio e rosa. Porta circa 10 fiori per stelo e raggiunge 150 cm di altezza.

 

 

Share/Save/Bookmark
Italian English French German Russian Spanish

Contattaci...

 

Noi di Florencia siamo costantemente in grado di offrirvi il meglio sia nel settore floreale che in quello della moda decorativa

Contattaci...